Translate

domenica 9 ottobre 2011

Bestemmiare va di moda


Un tempo era addirittura vietato, forse per l’incidenza della Chiesa nel nostro paese. Ora non lo è, ma in compenso si è estesa l’utenza di chi si cimenta in una prassi linguistica e sociale al tempo stesso: la bestemmia.

Se Veneti e Toscani, un po’ di tutte le fasce sociali, condiscono i loro discorsi con bestemmie ricorrenti, in alcune realtà geografiche italiane l’imprecazione è totalmente sconosciuta, per non parlare degli altri paesi europei, dove la bestemmia non esiste. Così come non esiste un manuale di “Storia della bestemmia”, probabilmente perché nessuno avrebbe il coraggio di scriverlo, anche se le cose da dire sarebbero moltissime. Ci sono diversi ambiti di analisi infatti: storico, antropologico, linguistico………e senza scomodare illuminanti teorici come Germano Mosconi ognuno di noi potrebbe trovare diversi elementi di interesse culturale che in un modo o nell’altro spiegano l’argomento. Perché ad esempio la bestemmia è particolarmente diffusa in Italia? Probabilmente perché la Chiesa è particolarmente influente proprio in questo territorio e, di conseguenza, ha trovato pure molti detrattori. Ma il motivo del post non risiede nella volontà di scovare l’archetipo delle bestemmie o le motivazioni che portano molti a pronunciarle, una dopo l’altra, come intercalare dei propri discorsi. Per quelle ricerche si può consultare wikipedia. L’inpout mi è stato piuttosto offerto qualche giorno fa quando, in autobus, ho osservato due gruppi di ragazze 15enni accanite bestemmiatrici. Se ne stavano lì, sedute senza lasciare il posto a qualche persona anziana (e ce n’erano!) infilando una bestemmia dopo l’altra in quei dialoghi che già di per sé la dicevano lunga sulla qualità intellettuale dei discorsi (e sulla qualità umana dei parlanti). Sono rimasto scioccato, non certo per le bestemmie ( sono veneto anch’io, ne ho sentite e ne sento a tutto spiano), ma per chi le stava pronunciando. Queste ragazzine con il viso da falso angelo buono avrebbero vinto numerosi campionati di bestemmia gareggiando contro i più incalliti muratori della bassa padovana e superando senza problemi le acrobazie linguistiche dei boscaioli asiaghesi. Esili corpicini di rosa vestiti, con le loro borsettine griffate e le ballerine ai piedi, assolutamente a loro agio con una terminologia da scaricatore di porto navigato! Ho di fatto dovuto riflettere, cercando di capire se esista effettivamente un collegamento tra forma ( ragazzine ben vestite, pulite, in ordine) e sostanza (il contenuto linguistico), arrivando a concludere che probabilmente no, oggi non c'è più un collegamento immediato. Perchè? Onestamente preferivo quando questo collegamento c'era, ed era pure evidente.

Simone Ariot


15 commenti:

  1. Onestamente non capisco il motivo, l’utilità della bestemmia; se uno crede non ha motivo di bestemmiare e se uno non crede, beh, perché offendere qualcuno che per te non esiste?! Questo resterà un mistero a vita (credo), ma se qualcuno dovesse averne la risposta, vi prego, ditela anche a me perché da sola proprio non ci arrivo.
    Ultimamente, la bestemmia è sempre più comune tra ragazzi e ragazze, è diventata quasi una moda (di cui certo non si può andar fieri). Il punto è che questo linguaggio, alquanto rozzo, vieni utilizzato dai ragazzi (come rafforzativo di frase, mi è capitato di sentire), ma soprattutto dalle ragazze, come dice lei professore, all’apparenza angioletti. Forse bestemmiando si sentono più grandi o pensano di “far colpo” sulle persone che le stanno intorno, ma in realtà penso che in questo modo non facciano altro che attirare pensieri negativi riguardo alla loro personalità e anche alla loro educazione.
    Lisa Miolato 2Es

    RispondiElimina
  2. Già è proprio vero! Mi capita di sentire sempre più spesso ragazzi e soprattutto ragazze che bestemmiano e sinceramente non capisco a cosa serve dire tutte queste brutte parole, il problema è che chi le dice ne va fiero e crede in questo modo di fare bella figura ma in realtà dà solamente una bruttissima impressione di se stesso. Proprio stamattina in corriera mi è capitato di sentire tre ragazzi che stavano parlando, anzi bestemmiavano a tutto spiano più che chiacchieravano e ad un certo punto una ragazza gli ha detto di finirla che erano davvero insopportabili e loro gli hanno risposto che lo fanno per sport!
    Chi bestemmia si dimostra davvero una persona maleducata ma il problema è che ci sono sempre più bambini piccoli che imparano a dire bestemmie, senza sapere il senso di quello che stanno dicendo, quindi andando avanti di questo passo non so più se riusciremo a parlare senza aggiungere qualche parola non opportuna, come le bestemmie.

    GRETA VANZAN classe 2Es

    RispondiElimina
  3. Sono alquanto sconcertata; sapevo dei ragazzi, ma non delle ragazze. Riflettendo qui no, certo che non c'è un collegamento tra forma e sostanza.
    Il fatto è che ora "va di moda", e la generazione di adolescenti che si sta creando sembra essere una 'bandiera'. Io li definisco così, tutti coloro che sembrano pensarla in un modo solo perchè seguono la massa. Insomma se ora è 'normale' per dimostrarsi grandi dire bestemmie, bisogna farlo; tra qualche tempo scoppierà un altro fenomeno, e allora tutti a seguire quello. Sembra che tutti debbano imitare tutti, solamente per un fatto estetico; ma facendo così, oltre ad imbrogliare gli altri, mentono a se stessi. Credenti o non credenti, mi sono sempre chiesta che valore abbia una bestemmia. Forse è perchè in fondo in fondo le attribuiamo un valore così alto da paragonarlo alla nostra ira; ma dubito che gli adolescenti di oggi si pongano questo problema, anche perchè, da come sentivo alcune conversazioni, oramai inserire una bestemmia in un semplice discorso è pressochè normale.
    E allora sì, sinceramente preferivo anch'io quando il collegamento tra forma e sostanza era evidente.

    Sofia, 4Cs

    RispondiElimina
  4. Per come la penso io credo che molte ragazze e ragazzi della mia età non sappiano neppure il vero significato della bestemmia, sono del parere che essi la dicono solo per il puro e semplice motivo che li fa sembrare belli e "fighetti" algli occhi degli altri.
    Molte volte mi capita di girare per il centro e sentire ragazzi che come unica cosa sanno bestemmiare, e che con i quali appena varchi certi confini, per riuscire e fare un discorso un pò più intelligente e di senso compiuto ti rispondono con un:" Ma che hai detto?!".
    Questo è proprio un comportamento che non sopporto, insomma che cosà c'è di bello nel bestemmiare e a volte nell'offendere qualcosa in cui molti credono...penso che sia una cosa d'avvero assurda e credo anche che sia segno di grande maleducazione. In più voglio aggiungere che non sono solo i ragazzi dall'aspetto trasandato e malconcio i soli capaci a bestemmiare, anzi molto spesso sono coloro che si vestono tutti griffati, proprio quelli che noi crediamo essere dei perfettini.
    Quindi in conclusione posso dire che non sempre l'aspetto esteriore fa passare quello che siamo veremente, come nel caso delle ragazze tutte vestite di rosa e con le ballerine griffate ai piedi.

    GIULIA BELLOTTO 2El.

    RispondiElimina
  5. Devo dire, innanzitutto, che sono totalmente contraria alle bestemmie, per il semplice fatto che, sebbene non sia credente, rispetto coloro che lo sono e che possono sentirsi offesi nel profondo da uno scempio simile. Ultimamente mi capita di sentire ragazzini -e ragazzine- sempre più piccoli (12-13 anni, se non meno) che ogni tre parole inseriscono una bestemmia, spesso pesante, e te la spiattellano in faccia perchè "fa figo", perchè, come dice Sofia e come dicono quasi tutti i commenti, BISOGNA seguire la massa altrimenti non si è nessuno.
    Alcune volte resto davvero allibita in quanto, come nel caso del tram, non sono da soli questi "bestemmiatori incalliti", che magari il giorno dopo vanno a confessarsi di corsa perchè si sentono in colpa, ma sono in presenza di persone a cui può dare fastidio.
    Probabilmente un domani passerà anche questa moda, ma sono convinta che la lingua parlata, il volgare, assumerà toni sempre più scurrili e di basso livello intellettuale; è vero che apparteniamo ad un'era in cui tutti hanno la possibilità di studiare, avere una cultura, ma è anche necessario rendersi conto che apparteniamo all'epoca delle esagerazioni, dove più dimostri più sei, che ci condurrà solo ad un vuoto interiore incolmabile. Concludendo, penso che il mondo e in particolare molti giovani stiano perdendo i valori che i nostri nonni, i nostri bisnonni e chi prima di loro avevano cercato di trasmetterci con tanta passione e fervore.

    AndreaML 4^Cs

    RispondiElimina
  6. Le bestemmie sono un segno di mancanza di rispetto, oltre che elemento denotante volgarità e maleducazione. Dunque è sacrosanto indignarsi di fronte a chiunque utilizzi il turpiloquio come intercalare, specialmente se gridato nel bel mezzo di un luogo pubblico.
    Sottolineo chiunque, perché la bestemmia che esce dalla bocca di una Barbie alta un metro e settanta con zaino di marca e stuolo di amiche al seguito non è meno bestemmia dell'imprecazione di un muratore, di uno scaricatore di porto o di chiunque incarni l'archetipo del bestemmiatore.
    Spiace un po' il tono benpensante con cui è stato affrontato il tema ("...dialoghi che già di per sé la dicevano lunga sulla qualità intellettuale dei discorsi e sulla qualità umana dei parlanti"). Comprendo che possa stupire il fatto che angeliche ragazzine si esprimano con tanta volgarità, ma, per quanto riguarda la discrasia tra forma e sostanza, mi chiedo: non siamo forse tutti contraddizioni che camminano?
    Indignamoci di fronte alla bestemmia, ma indignamoci sempre.

    Antigone.

    RispondiElimina
  7. Da quando la bestemmia non è più vietata, bestemmiare sembra sia divenuta una cosa del tutto lecita e normale, soprattutto fra i giovani! Io semplicemente penso che una persona con un minimo di “materia grigia” nel cervello dovrebbe evitare di bestemmiare e se lo fa dovrebbe vergognarsene! E invece NO, quei ragazzini se ne vantano pure e procedono ininterrottamente con la loro serie di bestemmie! Alcuni di questi probabilmente lo fanno perché non credono e non si interessano minimamente di coloro ai quali le loro imprecazioni potrebbero dare fastidio; altri, invece, che magari pure un po’ ci credono nella religione lo fanno semplicemente perché va di moda oppure per imitare il tipo più grande che stimano tanto! La cosa più bizzarra è che poi la domenica mattina si presentano tutti belli belli in chiesa con i loro visini da angeli! Riguardo alle ragazzine vestite tutte di rosa con le ballerine e la borsa griffata che bestemmiano senza tregua, credo che loro pensino di essere “alla moda” comportandosi in questa maniera ma che, in realtà, facciano solamente una pessima figura e impressione!

    Arianna Basso 2^ELL

    RispondiElimina
  8. Comincio col dire che neanche io sono un santo.. e questa, se si può chiamare debolezza, esce fuori anche dalla mia bocca.. e ogni volta succede, provo una sensazione di disgusto nei miei riguardi..
    Contiuo col dire che anche io sono stato spettatori di questi tristissimi fatti, per esempio, poche sere fa in centro c'erano due ragazzi e uno tutto convinto, felice di quello che faceva, bestemmiava cantando, aveva creato una canzone di bestemmie! la cantava a squarciagola, io mi vergognavo per lui mentre cercavo di non sentirlo per il fastidio che mi dava il sentire questo bambino (a livello di intelligenza, sicuramente 15enne) che si comportava così! Non riesco a capre cosa ci spinga a farlo, davvero.. forse siamo così abituati a sentire queste parole che ci escono da sole, senza che ci pensiamo.. ormai è un brutto vizio davvero, che però se uno non ha, sembra vena considerato diverso..

    RispondiElimina
  9. Antigone ha dannatamente ragione.

    RispondiElimina
  10. Le bestemmie oggi sono diffusissime soprattutto tra i giovani, che le rendono più stupide e orribili di quello che già sono in sè. Bestemmiare è la moda, è quello che assieme alle offese da l'autorità a un ragazzo di sentirsi più figo e trasgressivo degli altri. Per quanto riguarda le ragazze probabilmente le parole escono di bocca per non essere da meno dei ragazzi. Non c'è da stupirsi se tra le prime parole che imparano gli stranieri o i bambini alla scuola materna qui in Italia ci siano anche le bestemmie!!!
    Laura babbolin 2^el

    RispondiElimina
  11. .....bestemmie usate come virgole fan sentire piu grandi piu' forti e piu "fighi".... ma con l' andare degli anni si capisce che ad usarle ci si deve solo che vergognare perche' sintomo di ignoranza e maleducazione....ma su questo argomento ce n'e'da scrivere ...mi stupisce piuttosto la tua preferenza all' associazione forma/sostanza in quanto lo ritengo un discorso piuttosto superficiale, si E' per quello che si ha dentro non per quello che si indossa o per come si appare..con la speranza di non aver fatto errori grammaticali...ti mando un saluto dalla new zealand

    RispondiElimina
  12. Si, ora bestemmiare va di moda, e ne sento di continuo. Quasi tutti i ragazzi che conosco lo fanno, le ragazze un po' meno, ma anche loro danno un contributo. Ma perché bestemmiare alla nostra età?? Non ne capisco il motivo..I ragazzi bestemmiano per sentirsi più potenti, più "fighi", le ragazze per farsi notare, che sono anche loro superiori, oppure per farsi notare dai maschi, bestemmiano anche loro, per ogni cosa. Quello che mi stupisce dei più, sono quelli che vanno anche in chiesa, e appena ne escono iniziano a sparlare...E se uno invece è ateo, perché dovrebbe insultare un Dio che non è nemmeno il suo?? Spero solo che anche i bambini più piccoli non iniziano anche loro a bestemmiare, solo perchè lo sentono dai più grandi..
    Petra Busatta

    RispondiElimina
  13. stefano fanelli17 agosto 2014 05:26

    spero che l' Islam possa conquistare l'Europa così si si proverà a bestemmiare allah ci si ritroverà decapitati, ma non credo che allah sarà bestemmiato perché l'unica religione che si odia e quella cristiana ciò è iscritto nel Vangelo che è parola di Cristo. bisogna reagire con durezza a quest scandalo vergognoso. ci vuole cultura ma quella cera per sradicare la bestemmia, perché non si può amare ciò che non si conosce. Dio in Cristo ha dato tutto fino alla morte e cristo è stato coerente con quello che diceva. facciamolo anche noi.

    RispondiElimina
  14. I RAGAZZI DELLA MIA ETÀ BESTEMMIANO SEMPRE E QUANDO GLIENE DICO QUATTRO...TI RISPONDONO CON INSULTI CONTINUANDO A BESTEMMIARE E RIDERE COME SCIOCCHI IGNORANTI

    RispondiElimina
  15. ORMAI LA BESTEMMIA COME LA SIGARETTA E LA BOTTIGLIA DI BIRRA È DIVENUTA UNA MODA TRA I GIOVANI DELLA MIA ETÀ CREDENDOSI FIGHI E PER DIMOSTRARE LA PROPRIA POPOLARITA E SUPERIORITA CREANDO SCALPORE TRA GLI ALTRI RAGAZZI CHE SI CHIEDONO:HAI VISTO,QUELLO BESTEMMIA/GUARDA QUELLO COME BESTEMMIA...E TUTTI CHE GLI VANNO APPRESSO,COSÌ TUTTI GLI ALTRI RAGAZZI PENSANO CHE BESTEMMIARE SIA GIUSTO PERCHÉ COSÌ SI È SULLA BOCCA DI TUTTI E CI SI SENTE SUPERIORI.É COME UNA "CHIAVE" DI SUCCESSO PER I GIOVANI.

    RispondiElimina